Il punto di luce risveglio dell'amore

La Maestra del Centro

 

FRANCA .....


Con semplicità , autorevolezza, devozione verso i maestri e profondo rispetto per le persone che arrivano,  è da anni la guida e la Luce di questo piccolo miracolo “IL PUNTO DI LUCE RISVEGLIO DELL’AMORE” immerso nelle splendide colline del Roero.
I suoi talenti sono messi a disposizione di tutti noi, se siamo capaci di ascoltarla, se siamo capaci di staccarci dalle situazioni che ci fanno stare male e ci fanno soffrire.
Nelle sue parole c’è sempre la via per la soluzione che molto spesso non vogliamo accettare, ma è la soluzione che ci permetterà di guarire e di toglierci da dosso pesi inutili che non servono.
Ti insegna a non avere mai paura, perché ciò che ci blocca è proprio questa enorme, ma talvolta inutile e così piccola emozione.  
Se vai oltre la paura, potrai scoprire un mondo nuovo, potrai scoprire te stesso nuovo ed iniziare a vivere, e non a sopravvivere.
Lei è la mia Maestra dal 2005 , potrei scrivere pagine , potrei scrivere come è stata capace di farmi piangere per la mia ottusità, potrei scrivere che mi ha fatto gioire nel momento che ho messo in pratica i suoi insegnamenti, potrei scrivere che mi sta facendo scoprire la mia DIVINITA’ , potrei scrivere che mi sta facendo vivere, ma quello che mi sento di comunicarvi  è di scoprirla e di ascoltarla. Se riuscirete ad aprire la vostra mente, riuscirete a leggere e sentire il vostro cuore.  (GIANNI)


Chi è Franca per me…
Bhè è stato ed è tutt’oggi un incontro straordinario, una benedizione per la mia anima in questo ennesimo passaggio sul pianeta terra.
Mi piace definire l’appuntamento con lei ed il mondo di consapevolezze che ti si aprono dentro come una “rivoluzione copernicana”!
Si, perché ti accorgi finalmente che il Sole in realtà è dentro di te e non fuori di te.
Per molti anni io ho cercato questa Sorgente negli altri, possibilmente poveri o malati; in una gerarchia che detiene il sapere e il potere di assolvere i peccati e di definire ciò che è male e bene, alla quale dovere dare ubbidienza; nell’alto dei cieli e solo negli uomini di buona volontà; in un tabernacolo; in un dogma; in un sacramento.
Già, per molto tempo ho radicalmente seguito i precetti della Chiesa cattolica e con tutte le mie forze ho voluto viverne il primo comandamento: “ama il prossimo tuo come te stesso”.
Ma credevo che il messaggio fosse concentrato nella prima asserzione di questa frase: “ama il prossimo tuo”! Ho idealizzato chi donava la vita per gli altri anche a costo di sacrificare la propria.
Essi rappresentavano per me il supremo esempio di senso da dare all’esistenza vissuta assimilandola a quello di Cristo.
All’età di 24 anni sono precipitata in una profonda crisi… persone che amavo molto, scelsero altri percorsi da quello da me promosso. Cominciai a pormi dei quesiti e fu in quel periodo in cui iniziai a mettere in discussione tutte le mie strutture mentali così ben costruite e socialmente riconosciute, che ebbi l’onore di incontrare: Franca.
Fui affascinata dalla semplicità ed al contempo dalla capacità magistrale di comunicare il contatto con il divino dentro di lei… qualcosa che mi spingeva finalmente a chiedermi: “ma io chi sono?”
Provai allora ad ascoltare, sentire quello che si muove dentro ognuno di noi e timidamente anche in me.
Smisi di evitare la vita inseguendo un ideale e mi lasciai attraversare dalle esperienze.
Non ho più rifuggito i bisogni, li ho riconosciuti con il loro nome e ho avuto modo di viverli ed iniziare a conoscermi anche attraverso di essi.
Franca ispirava finalmente ciò che unisce, l’unità e non più ciò che divide, la dualità che ti spinge a confutare le verità altrui ed alimenta il giudizio. L’oriente e l’occidente, la scienza e la religiosità, la materia e lo spirito, il sacro e il profano… attraverso i suoi occhi, il suo cuore, il suo esempio cominci a percepire la linea che unisce gli opposti
e come essi possano essere vissuti in armonia.
Franca emana una cultura straordinaria, una notevole esperienza di vita come donna, come madre, come lavoratrice, la curiosità del ricercatore e la semplicità del bambino che si stupisce diogni piccola cosa, che sa ridere e divertirsi anche quando è messa alla prova.
Mi commuove la sua profonda capacità di lettura delle esperienze delle persone, abilità che appartiene a chi ha osservato e ascoltato le proprie così attentamente da entrare in un rapporto di comprensione, accoglienza e assoluto rispetto delle scelte altrui, ma che al contempo ne sa sottilmente riconosce e soprattutto svelare gli alibi nascosti dietro il velo.
Sì, Franca, se le dai il permesso, toglie i veli dell’ignoranza!
A molti di noi è successo di spaventarsi dopo il primo innamoramento. Sì perché una parte di noi non vuole comprendere che siamo noi stessi i diretti responsabili della nostra vita e di tutto ciò che nel bene o nel male abbiamo vissuto, prodotto e siamo, qui ed ora. E’ più facile colpevolizzare gli altri, le situazioni, la società… Dio.
Franca ti sostiene nella demolizione totale della torre dietro cui ci siamo arroccati per non soffrire, per non riconoscerci ed amarci veramente per quello che siamo, accorgerci ed accogliere le nostre fragilità che, se vogliamo, possono essere trasformate nella nostra vera forza.
E quando la desolazione delle macerie è un elemento di disperazione, lei è lì, presente ad incoraggiare la ricostruzione del vero te stesso, con pazienza e forza.
Franca è soprattutto un continuo stimolo a ricordarci chi siamo veramente e che cosa siamo venuti a fare, sostenendo il risveglio del contatto con il Sé, con la Luce… il risveglio dell’Amore.
Ho provato infinite emozioni nei suoi confronti in tutti questi anni: gratitudine e dubbio, attrazione e disagio. Quando non comprendevo mi sono affidata e lei è sempre riuscita spontaneamente ad aprire un varco nelle mie rigidità e a toccarmi nel cuore.
Non mi sento più impaurita dalla vita e dai suoi prepotenti bisogni, benedico le difficoltà come opportunità di crescita e accolgo tutto ciò che mi arriva con più arrendevolezza e gratitudine.
Osservo i miei lati oscuri, ma non perdendomi totalmente in essi, riconosco che si tratta ancora del retaggio della prima me. Li vedo cambiando il punto di vista, ponendomi nella luce perchè se essa li compenetra li chiarisco e prima o poi si dissolveranno e non susciteranno più in me tanta sofferenza.
Credevo di essere polvere e che polvere sarei ritornata!
Ma ora so di essere Luce e che Luce ritornerò e se dalla ripetizione di questa semplice frase scaturisce in me un’onda di commozione e gioia,è anche grazie a Francaed alla “rivoluzione copernicana” che il contatto costante con l’Energia che lei emana risveglia in me!
Con infinita gratitudine (C.)


Da quando ero bambina ho sempre cercato risposte alle mille domande sul senso della vita,della sofferenza,del dolore.
Ho fatto esperienze diverse in gruppi di ricerca religiosi,di volontariato,sociali, di studio,sul lavoro.
Ho conosciuto Maestri e Insegnanti che hanno contribuito al risveglio della mia consapevolezza.
Tra queste meravigliose creature Franca è quella che ho più vicino; è quella con cui ho fatto il tratto di strada più lungo e intenso.
In questi anni impegnativi, Franca ha permesso al DIVINO di risvegliarsi in lei nelle forme più diverse: è una SCIAMANA che opera con tutti gli “ elementi”,ha studiato naturopatia ma non ha bisogno di tecniche per curare le persone poiché il suoESSERE A DISPOSIZIONE, permette al GUARITORE DIVINO di agire nei modi più diversi e personali.
Franca è un RICERCATORE continuo sul valore delle leggi universali e condivide gli insegnamenti per sperimentare la realtà con tutti noi.
Nei diversi gruppi, il suo contributo come analisi interiore profonda,è incredibile perché sa vedere blocchi ,problemi e  paure,con una lucidità assoluta e, con dolcezza, ci aiuta a riconoscerli e a cercare soluzioni sostenendo ciascuno nella propria responsabilità e libertà di scelta.
Più che uno “strumento”, direi che Franca è un’intera “orchestra”perché attraverso di lei, il DIVINO esprime molteplici sue MANIFESTAZIONI con gli insegnamenti canalizzati di tanti MAESTRI della LUCE.
Non esito a definire Franca “sacerdotessa dell’AMORE DIVINO”:una benedizione per la mia vita e per tante persone.
Ringrazio la mia Essenza più vera che continua a cercare ed ora non è più sofferente per come l’umanità decide di essere, ora la pace interiore è ogni giorno colma di stupore e commozione per la vita e per ogni creatura.
Ringrazio il CREATORE, PADRE-MADRE per il suo manifestarsi in compagni di viaggio così splendidi. (R.)